Sezione internazionale di francese EsaBac

Sezione internazionale di francese

Il curricolo sviluppa le stesse valenze del liceo in un’ottica interculturale. La presenza di docenti madrelingua e l’interazione tra le culture francese e italiana favoriscono una formazione proiettata in dimensione europea e facilitano l’accesso alle istituzioni comunitarie.

Il corso del liceo internazionale con francese come lingua partner ha preso avvio nel liceo “Luigi Galvani" già nell’anno scolastico 1991-1992. È tutelato da un decreto ministeriale (METTIAMO IL DECRETO?) e offre un percorso potenziato rispetto alle altre sezioni EsaBac. Inoltre, il liceo Galvani è scuola referente per la formazione dei docenti EsaBac.

Oggi il corso, rafforzato dall’esperienza acquisita, dall’organicità del curricolo e dai riconoscimenti pervenuti dai Ministeri dei rispettivi Paesi (METTIAMO QUALCHE DOCUMENTO?), conferma la sua vocazione di proposta formativa che guarda all’orizzonte europeo.

Cosa offre?

Un doppio diploma per il tuo futuro: l’Esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese

1. Tre indirizzi a scelta: classico, scientifico, linguistico

2. Stesso numero di ore di italiano e di francese;

3. Insegnamento in francese con docenti madrelingua portatori dell’originale formazione culturale ed esperienziale. Insegnamento della storia e della geografia in francese come carattere-chiave del corso internazionale volto a creare un confronto continuo tra due tradizioni culturali che dialogano perché lingua significa cultura.

4. Nessun prerequisito richiesto per iscriversi. Anche gli alunni che non hanno studiato francese alle medie possono frequentare una sezione EsaBac.

5. Un doppio diploma ESABAC conclude il percorso liceale bilingue e biculturale con un riconoscimento ufficiale (livello di francese certificato in uscita: minimo B2), che permette il proseguimento degli studi nelle università dei due paesi partner.

Plurilinguismo

Nel corso del quinquennio, lo studio della lingua inglese è incentivato nei tre indirizzi EsaBac (classico, scientifico e linguistico) ed è prevista la presenza di esperti madrelingua inglese. Gli studenti sono preparati a sostenere:

il Preliminary English Test (PET) – qui il link al sito ufficiale

– il First Certificate in English (FCE) – qui il link al sito ufficiale

– il Certificate of Advanced English (CAE) – qui il link al sito ufficiale

– l’ IELTS  (introdotto dall’a.s.2020-2021) – qui il link al sito ufficiale


Lo studio della
lingua spagnola come terza lingua nell’indirizzo linguistico EsaBac si articola in 5 ore settimanali di cui 1 in compresenza con un conversatore madrelingua per ogni anno del triennio. L’elevato numero delle ore previsto dal piano di studi e l’innegabile vicinanza della lingua spagnola con la lingua italiana permettono agli studenti di arrivare, partendo da un livello di principiante assoluto, ad un livello B2 secondo la classificazione del Quadro Comune Europeo di Riferimento. Il quarto anno prevede la preparazione agli esami DELE B2qui il link al sito ufficiale

Progetti

Gli studenti della Sezione Internazionale di Francese Esabac partecipano ogni anno a vari concorsi e progetti, aderendo in particolare alle proposte dell’Institut français di Firenze, dell’Alliance française di Bologna, e di altri partner legati agli indirizzi di studio classico, scientifico e linguistico. In questa pagina, riportiamo alcuni esempi di progetti e Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO) svolti negli ultimi anni.

POSSIAMO CREARE DEI LINK AI PROGETTI O AGGIUNGERE DELLE IMMAGINI?

Il premio Goncourt, la scelta dell’Italia – Tutti gli indirizzi

Ogni anno, gli studenti di 4a Esabac del liceo Luigi Galvani hanno la possibilità di diventare membri della giuria per il famosissimo “Premio Goncourt, la scelta dell’Italia”. Organizzato con il sostegno dell’Institut Français in partenariato con l’Académie Goncourt, il concorso prevede la lettura di diversi libri della selezione Goncourt e dopo la redazione di critiche letterarie, gli allievi sono invitati a designare il loro vincitore o la loro vincitrice. Il progetto si conclude ogni anno con la cerimonia di premiazione in presenza dello scrittore o della scrittrice vincente. Un’occasione unica per avvicinarsi alla letteratura contemporanea francofona e dialogare con gli scrittori: un appuntamento al quale la sezione partecipa sempre con grande entusiasmo, anche perché si svolge nella prestigiosa cornice del Centre Culturel Saint Louis dell’Ambasciata di Francia a Roma.

Progetto di traduzione – Tutti gli indirizzi

Da diversi anni, le nostre classi traducono dal francese all’italiano delle opere che vengono pubblicate da note case editrici. Nell’ambito di questo progetto appassionante, i nostri alunni sono stati chiamati a partecipare a trasmissioni radio, fiere e incontri con gli autori tradotti. Le attività di traduzione fanno parte dei PCTO proposti dalla nostra sezione.

Negli ultimi anni sono stati tradotti ad esempio:

Bernard Friot, Storie di quadri (a testa in giù)

Vincent Cuvellier, Margherita e Margherita

Fred Bernard e François Roca, L’indiano della Torre Eiffel

Laboratorio teatrale in lingua francese – Tutti gli indirizzi

Dal 2018, la sezione Esabac del Liceo Galvani lavora in collaborazione con un’attrice di teatro francofona che propone ogni anno delle attività laboratoriali per favorire la fiducia, la cooperazione e l’empatia tra gli studenti e per potenziare l’uso del corpo e della voce. Il laboratorio teatrale è un’occasione per avvicinarsi in modo originale a grandi opere della tradizione teatrale francese, dai “Fabliaux” medievali ai testi di autori contemporanei passando per le opere di Molière (L’école des femmes, Le malade imaginaire et Tartuffe), lasciando anche spazio all’improvvisazione e alla scrittura creativa di dialoghi. Nella primavera del 2022, gli alunni hanno presentato una loro performance all’Arena del Sole di Bologna.

Scambio con la Scuola d’Italia Guglielmo Marconi di New York – Linguistico

Il progetto, attraverso la creazione di una rete tra due licei di Bologna (Galvani e Righi) e una scuola di New York (Scuola d’Italia Guglielmo Marconi), si propone di coinvolgere gli studenti in uno scambio virtuale e di promuovere una didattica transnazionale attraverso il dialogo fra differenti contesti scolastici e culturali, e attraverso l’approfondimento di tematiche rilevanti e urgenti quali l’ecologia integrale, la sostenibilità climatico ambientale, l’inclusione sociale e la lotta contro ogni forma di esclusione e di emarginazione socio-culturale. Si tratta di temi che possono essere affrontati in varie discipline e/o lingue, quali fils rouges di uno sfondo integratore utile a coinvolgere i giovani sollecitandone la partecipazione a una cittadinanza attiva/inclusiva, consapevole e realmente impegnata in senso ecologico. Questo progetto fa parte dei PCTO proposti dalla nostra sezione.

Extrem Energy Events – Science inside Schools – Scientifico

Ogni giorno, in ogni istante, siamo investiti da una pioggia di particelle elementari provenienti dal cosmo: i raggi cosmici, una radiazione naturale proveniente dagli spazi siderali che continuamente inonda la Terra. Nel Gennaio 2008 è arrivato nel nostro Liceo il Rivelatore di raggi cosmici MRPC costruito dai nostri studenti al CERN di Ginevra. Da allora, i nostri alunni, da veri scienziati, possono occuparsi nell’ambito del progetto EEE riconosciuto anche come PCTO di registrare i segnali che arrivano dal cosmo, di elaborarli, analizzarli ed interpretarli. Espongono poi il frutto delle loro ricerche nell’ambito di colloqui internazionali che si svolgono spesso in inglese come ad esempio L’International Cosmic Day.

Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani a Siracusa – Classico

Arianna, Aurora, Gaia, Matilde, Teresa e Sofia raccontano il viaggio che hanno svolto a Siracusa dal 17 al 20 maggio 2022 per vedere le rappresentazioni teatrali “Edipo Re” e “Agamennone” al teatro greco della città.

Arrivati all’aeroporto di Catania la mattina del 17 maggio, ci siamo recati in pullman a Siracusa. Il primo giorno è stato dedicato alla visita del centro storico (tra chiese e rovine antiche) e di Ortigia, antica zona della città, senza dimenticare la visita al museo di Pitagora.

La mattina del 18 maggio siamo andati a Ragusa (città in cui è presente il «Giardino Ibleo»), dove abbiamo trascorso anche parte del pomeriggio. La sera, abbiamo assistito al primo spettacolo previsto sul programma: l’”Edipo Re”. Ci è piaciuto moltissimo!

Il giorno successivo, il 19 maggio, abbiamo visitato le città di Scicli e di Modica, celebri per la loro architettura barocca, per poi tornare all’anfiteatro la sera stessa, per la seconda rappresentazione: L’”Agamennone”. Uno spettacolo molto apprezzato anche quello!

Durante l’ultimo giorno di permanenza, abbiamo visitato, nella città di Siracusa, le catacombe di San Giovanni e il parco archeologico della Neapolis (conosciuto per l’”Orecchio di Dioniso”, una grotta artificiale di grandi dimensioni). La nostra visita si è conclusa, così come era iniziata, all’aeroporto di Catania, segnando il nostro ritorno a casa dopo un viaggio meraviglioso.

Viaggi, scambi e gite

Centre méditerranéen d'études françaises

Per le classi del secondo anno del corso EsaBac

Tra gennaio e marzo, quando Bologna è ancora avvolta dall’umidità invernale, ci piace accompagnare le nostre seconde sulla Costa Azzura! A Cap d’Ail, il Centre méditerranéen d’études françaises (CMEF) ci accoglie in una cornice idillica di alberi e fiori che domina il mare. L’obiettivo del soggiorno è linguistico e culturale. Il programma prevede un’immersione nella lingua francese con dei corsi in piccoli gruppi la mattina e delle visite guidate della regione il pomeriggio. Questo viaggio studio permette di approfondire e vivere concretamente gli argomenti affrontati in classe durante le ore di francese, storia e geografia!

Scambi

Al terzo o quarto anno di corso

Uno scambio, oltre a consentire un’immersione nella lingua francese e quindi una pratica intensiva della lingua studiata, è un’opportunità per creare legami autentici tra studenti di lingua madre diversa permettendo anche di confrontarsi in prima persona con la vita quotidiana, scolastica e familiare di altri giovani in Europa. I giorni trascorsi nella città partner sono all’insegna della scoperta e della collaborazione e richiedono apertura mentale, disponibilità, senso dell’adattamento, rispetto scrupoloso delle regole imposte dai docenti e dalle famiglie ospitanti e tanto entusiasmo! Durante la permanenza a Bologna, vengono proposte delle attività di scoperta interattiva dell’area urbana sotto la forma di visite e laboratori.

Viaggi

Al terzo o quarto anno di corso

In terza e/o in quarta viene organizzato un viaggio di istruzione in una regione francofona o anglofona. Gli alunni vengono direttamente coinvolti nell’organizzazione del viaggio svolgendo ricerche preliminari sui siti culturali da scoprire e sulle tradizioni caratterizzanti l’area geografica dove si recheranno. Nell’ambito dei viaggi vengono svolti dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO). Negli ultimi anni, le mete sono state varie. Abbiamo scoperto l’arte e la cucina di Lione, i musei e le librerie di Parigi, le spiagge e la storia della Normandia, le istituzioni internazionali a Ginevra, la cultura inglese a Folkestone…

Alla scoperta di una metropoli europea

Al quinto anno di corso

Arrivati in quinta, si discute per scegliere la meta dell’ultimo viaggio organizzato con la propria classe di liceo… Le opzioni sono tante… La storica Berlino? L’incantevole Praga? La moderna Londra? La vibrante Madrid? La luminosa Lisbona? La ricca Vienna? L’intramontabile Parigi?…

Gite

Per tutte le classi

Le occasioni per organizzare uscite didattiche non mancano durante il percorso quinquennale della nostra sezione. Uscire dalle aule per scoprire dal vivo la ricchezza del patrimonio storico-artistico dell’Italia o per svolgere esperienze pratiche con professionisti di vari orizzonti ci sembra uno stimolo ed un arricchimento essenziale per la formazione dei nostri studenti. Le mete sono varie e coinvolgono tutte le aree disciplinari caratterizzanti la nostra sezione. Dai mosaici ravennati ai musei d’arte moderna milanesi passando per la rinascimentale Firenze, un vero museo a cielo aperto, la storia dell’arte si studia dal vivo! Dal parco regionale di Monte Sole alla stazione di Bologna, i luoghi di memoria ci offrono spunti di riflessione necessari per una formazione storica critica e consapevole. Per quanto riguarda l’area scientifica, vengono organizzati laboratori presso la Ducati, l’Opificio Golinelli oppure il CNR e quando capita l’occasione, si va volentieri a Ginevra per una visita spettacolare del CERN.

FAQ - domande frequenti

  • Cosa offre di più una sezione ESABAC rispetto ad una sezione con il francese come materia curricolare?

Nella sezione ESABAC, la lingua è da subito considerata come uno strumento per veicolare contenuti (storia, geografia, letteratura…). Il numero di ore settimanali di lezioni in francese è pari alle ore di lettere (9 ore al biennio, 6 ore in 3a e in 4a, 7 ore in 5a).

Il percorso ha come scopo di rendere gli alunni protagonisti della loro formazione bilingue, bimetodologica e biculturale. È un’ottima preparazione agli studi universitari e al mondo del lavoro in una prospettiva europea.

Gli alunni si presentano all’Esame di Stato italiano, secondo l’indirizzo scelto (scientifico, linguistico, classico), le prove caratterizzanti l’Esabac prevedono una terza prova scritta di letteratura e storia in francese e prove orali di letteratura francese e storia che si svolgono nel corso del colloquio orale. Gli studenti ottengono così un doppio diploma (l’Esame di stato italiano e il Baccalauréat français) che sancisce l’acquisizione di un livello pari o superiore al B2 del quadro europeo di riferimento senza bisogno di un esame esterno.

  • Perché scegliere la sezione ESABAC del Liceo Galvani?

Il Liceo Galvani offre un percorso quiquennale con un monte ore dedicato allo studio della lingua-cultura/letteratura francese/storia e geografia in francese di pari importanza allo studio della lingua italiana.

Gli alunni che si iscrivono nella sezione ESABAC del Liceo Galvani possono scegliere di seguire l’indirizzo Classico, Scientifico o Linguistico.

L’équipe pedagogica della Sezione Internazionale Francese, esperta nell’insegnamento bilingue, è composta da docenti italiani ed è integrata per le materie insegnate in francese da docenti madrelingua.

  • Per iscriversi è obbligatorio avere studiato francese alle Scuole Medie?

Non è obbligatorio avere studiato francese alle Scuole Medie per iscriversi in una sezione ESABAC.

Ma nel caso non si è mai studiato la lingua francese, una preparazione estiva di base è vivamente consigliata.

Per tutti, è anche buona prassi ascoltare TV, radio e musica in lingua francese!

  • Cos'è il corso di allineamento che si svolge a settembre?

Dal 1° settembre, i nuovi iscritti nella Sezione ESABAC hanno la possibilità di seguire gratuitamente una settimana di corso con gli insegnanti madre lingua della sezione.

Il corso è rivolto a tutti gli alunni iscritti al primo anno, che siano principianti, avanzati o madre lingua. Queste prime ore in classe non si devono considerare soltanto come un corso di lingua perché permettono ai ragazzi di scoprire l’Istituto in un contesto sereno, prima della ripresa della vita scolastica, di conoscere alcuni docenti con i quali lavoreranno durante il loro percorso e di abituarsi alle esigenze e alle regole vigenti all’interno della sezione!

Si tratta quindi di un piacevole momento di studio e di accoglienza, per cominciare “du bon pied” (col piede giusto) l’anno scolastico.

  • Come si studia la storia in francese? Significa studiare solo la storia francese?

Il programma di storia non si limita di certo alla storia francese. Si studia la storia italiana e la storia francese in una prospettiva comparata e in una visione europea e mondiale.

Gli alunni studiano su testi francesi e italiani che si possono ordinare nelle principali librerie di Bologna e su documenti forniti dai loro insegnanti. Ogni argomento viene affrontato con la metodologia francese che privilegia uno studio attento e critico delle fonti per sviluppare le capacità analitiche degli alunni e offrire loro degli strumenti per capire il mondo contemporaneo nella sua complessità.